Paolo Trovato

Medioevo e Rinascimento – Novembre 2013

...tante novità interessanti, dalla riproposizione della Storia della Commedia di Apollonio, un grande rappresentante dell'Università Cattolica, e del pensiero cattolico, alla raccolta di saggi danteschi in onore di John A. Scott, firmati da specialisti come Teodolinda Barolini, Lino Pertile, Zyg Baransky, alla documentata ricerca di Mira Mocan su quanto Dante debba al pensiero del filosofo agostiniano Riccardo di San Vittore (m. 1173),

Con la collaborazione di Valentina Gritti e Fabio Romanini

Il ritardo con cui questo numero di ‘451’ si presenta, in una nuova veste, al suo pubblico – dovuto a cause di forza maggiore – ci invoglia a modificare per una volta il tradizionale assetto della rubrica (3 o 4 o 5 schede analitiche al massimo), segnalando e più spesso solo elencando volumi che non sfigurerebbero sotto l’albero, strenne potenziali per lettori appassionati. Li raggruppo entro poche entrate-contenitore.

 

Dante e dintorni
Nuova edizione commentata delle Opere di Dante, vol. 3°, De vulgari eloquentia, a cura di Enrico Fenzi, con la collaborazione di Luciano Formisano e Francesco Montuori, Roma, Salerno ed., 2012, pp. CXXVI-666. € 49,00.
Dante Alighieri, Inferno, a cura di Saverio Bellomo, Torino, Einaudi, 2013, pp. LVIII-586. € 60,00.
Stefano Carrai, Dante e l’antico. L’emulazione dei classici nella «Commedia», Firenze, Edizioni del Galluzzo per la Fondazione Ezio Franceschini, 2012, pp. XXVIII-144. € 38,00.
Mira Mocan, L’arca della mente. Riccardo di San Vittore nella Commedia di Dante, Firenze, Olschki, 2012, pp. XXII-316. € 29,00
Legato con amore in un volume”. Essays in honour of John A. Scott, edited by John J. Kinder and Diana Glenn, Firenze, Olschki, 2013, pp. XX-348. € 38,00
Mario Apollonio, Dante. Storia della Commedia, a cura di Carlo Annoni e Corrado Viola, Novara, Interlinea, 2013, pp. LVIII-678. € 48,00

Come si vede, tante novità interessanti, dalla riproposizione della Storia della Commedia di Apollonio, un grande rappresentante dell’Università Cattolica, e del pensiero cattolico, alla raccolta di saggi danteschi in onore di John A. Scott, firmati da specialisti come Teodolinda Barolini, Lino Pertile, Zyg Baransky, alla documentata ricerca di Mira Mocan su quanto Dante debba al pensiero del filosofo agostiniano Riccardo di San Vittore (m. 1173), «che a considerar fu più che viro» (Paradiso X 132). Sono di grande rilievo e originalità anche le edizioni commentate dell’Inferno e del De vulgari eloquentia, a cura rispettivamente di Bellomo e di Fenzi (correda la seconda anche un’accurata edizione della traduzione del trattato a opera del Trissino, di grande importanza storica).

Ci soffermiamo brevemente sul limpido saggio di Carrai, che si apre sulla questione del “classicismo” e dell'”umanesimo” danteschi, sulla necessità di valutare l’uso dei classici da parte del poeta come “elemento della fantasia”, ma anche sulle modalità della sua emulazione, come ad esempio l’impiego della terzina come sistema narrativo fluido e duttile. Segue un’indagine sulla paradigmatica vicenda di Paolo e Francesca, confrontata con le possibili fonti classiche e rimarcata negli elementi di novità. Anche più prettamente stilistica è la lettura degli episodi di Ugolino e Pier della Vigna. Si approda quindi all’epica di UIisse e all’aperta emulazione del mito, e poi allo stile epigrafico cui Dante ricorre in vari punti del poema: alla porta dell’Inferno e nei discorsi con cui le anime si presentano (“autoepitaffi”). La seconda parte del libro è dedicata ad alcuni personaggi della Commedia per i quali la mitologia offre ampi termini di confronto.

 

Quattrocento e Cinquecento
Jacopo Fiorino de’ Buoninsegni, a cura di Irene Tani, Pisa, ETS, 2012, pp. 132. € 12,00
Remo L. Guidi, Frati e Umanisti nel Quattrocento, Alessandria, dell’Orso, 2013, pp. 624. € 50,00.
La diffusione europea del pensiero del Valla, a cura di Mariangela Regoliosi e Clementina Marsico, Firenze Polistampa, 2 tomi indivisibili, pp. XXX-666. € 65,00.
Pseudo Gentile Sermini, Novelle, edizione critica con commento a cura di Monica Marchi, Pisa, ETS, 2012, pp. 684. € 55,00
Giovanni Antonio de Petruciis, Sonetti, a cura di Emiliano Picchiorri, Roma, Salerno ed., 2013, pp. XLIV-256. € 28,00.
Erasmo da Rotterdam, Modi di dire. Adagiorum collectanea, a cura di Carlo Carena, Torino, Einaudi, 2013, pp. XLIV-648. € 85,00
Giorgio Vasari, Poesie, a cura di Enrico Mattioda, Alessandria, dell’Orso, 2012, pp. 108. € 16,00.
Sandro Bianconi, L’italiano lingua popolare. La comunicazione scritta e parlata dei “senza lettere” nella Svizzera italiana dal Cinquecento al Novecento, Firenze-Bellinzona, Accademia della Crusca-Casagrande, 2013, pp. 272. € 35,00.

Anche in questa sezione c’è l’imbarazzo della scelta. Studi importanti su un autore che avrebbe esportato l’umanesimo italiano in Europa (come il Valla) o sul rapporto tra i francescani e l’umanesimo o sull’italiano popolare nella Lombardia svizzera. Edizioni di testi diciamo pure sfiziosi, ma storicamente interessantissimi, come le poesie del Vasari, di un livello stilistico borghese e “giocoso”, difficilmente sospettabile a partire dalla sua produzione figurativa, sempre molto composta e stilizzata, o i sonetti composti in prigione dallo sfortunato Giovanni Antonio de Petruciis, coinvolto nella Congiura dei Baroni. O testi dotati di un maggiore impatto come le Novelle a lungo attribuite al Sermini, le Bucoliche del Boninsegni, che avrebbero suggestionato il Sannazaro, o gli Adagia, la fondamentale raccolta di proverbi di Erasmo da Rotterdam: un distillato della sapienza degli antichi che influenzò generazioni di letterati. (Un piccolo neo dell’edizione, amorevolmente curata dal Carena, si deve al responsabile dell’apparato iconografico. Così infatti, a p. VI, si commenta la silografia dell’ed. del 1521, che riporta in 8 riquadri i ritratti di altrettanti grandi classici latini, tra i quali Tullius e M. Cicero: «nella prima fila in alto leggi Tibullus per Tullius». In realtà, con l’eccezione di pochi studiosi d’avanguardia, Erasmo, Beato Renano ecc., nell’Europa centrale del primo Cinquecento, sulla base di citazioni svelte come «Ut ait Cicero» e «Ut ait Tullius», molti ritenevano, come nell’Italia di tre secoli prima, che Tullio e Cicerone fossero due autori diversi. E la congettura è quindi del tutto superflua).

 

Maestri della filologia romanza novecentesca
Mimesis: l’eredità di Auerbach, Atti del XXXV Convegno Interuniversitario (Bressanone / Innsbruck, 5-8 luglio 2007), a cura di Ivano Paccagnella e Elisa Gregori, Padova, Esedra, 2009, pp. 530. € 46,00
Leo Spizer. Lo stile e il metodo, Atti del XXXVI Convegno Interuniversitario (Bressanone / Innsbruck, 10-13 luglio 2008), Padova, Esedra, 2010, pp. XVIII-566. € 48,00.
Ernst Robert Curtius e l’identità culturale dell’Europa, Atti del XXXVII Convegno Interuniversitario (Bressanone / Innsbruck, 13-16 luglio 2009), a cura di Ivano Paccagnella e Elisa Gregori, Padova, Esedra, 2011, pp. XX-386. € 36,00.

Non meno di Auerbach, noto anche al grande pubblico attraverso la traduzione italiana di Mimesis (Einaudi, 2000), Curtius e Spitzer hanno contribuito a rinnovare la romanistica, non solo tedesca, aprendola, irreversibilmente e «in modo straordinario, alla storia delle idee, alla stilistica, alla Weltliteratur» (Mario Mancini) e, di lì innanzi, a tant’altro ancora. Le tre raccolte di saggi, che vivisezionano la produzione della grande triade tedesca della Filologia romanza, si lasciano leggere (sia pure un poco per volta) come un unico grande libro sulle vicissitudini di una disciplina bellissima e controversa.

 

Sussidi elettronici
Biblioteca Italiana Zanichelli. DVD-ROM per Windows per la ricerca in testi, biografie, trame e concordanze della Letteratura italiana. Testi a cura di Pasquale Stoppelli con il volume Biografie e trame, Bologna, Zanichelli, 2010, confezione indivisibile volume + DVD-Rom. € 99,80.

Cuginetta, se non sorella minore, della pioneristica LIZ (La letteratura italiana Zanichelli in CD-Rom), che ha permesso agli italianisti di poter interrogare come un unico grande testo 1000 opere della letteratura italiana dai Siciliani a Svevo, ma che l’obsolescenza dei sistemi operativi ha reso di fatto inutilizzabile, anche la BIZ si offre come un utilissimo strumento di lavoro: non solo per gli universitari, ma anche (data la presenza aggiuntiva di trame e biografie) per i liceali e le persone colte. (Ma sia consentito agli utenti più anziani qualche sommesso rimpianto per la versatilità delle funzioni di ricerca del sussidio più antico, che funziona solo su PC obsoleti, pieni d’acciacchi). Buon Natale!

 

PAOLO TROVATO, insegna Storia della lingua italiana e Critica testuale all’Università di Ferrara e condirige la rivista ‘Filologia italiana’. Tra i suoi lavori principali: l’edizione critica della prima Cortigiana (1525) di Pietro Aretino (Salerno ed. 2009); Storia della lingua italiana. Il primo Cinquecento, ( 1994, rist. Libreriauniversitaria.it, 2011); e, con Elisabetta Tonello, Nuove prospettive sulla tradizione della Commedia. Seconda serie. 2008-2013 (Libreriauniversitaria.it, 2013).
Print Friendly, PDF & Email
Invia una mail per segnalare questo articolo ad un amico