Radio3suCarta. Wikiradio. La strage al teatro Drubovka di Mosca

Marcello Flores racconta la strage al teatro Dubrovka di Mosca

Wikiradio costruisce giorno per giorno una sorta di almanacco di argomenti significativi e utili da sapere per orientarsi nella nostra modernità. Ogni puntata racconta un evento accaduto proprio nel giorno in cui va in onda, intrecciando il passato con il presente, la memoria storica con ciò che oggi essa significa per noi.

Dalla storia all’economia, dal cinema alla scienza, la letteratura, il teatro, le arti visive, la musica, i grandi momenti che hanno segnato un punto di svolta raccontati da esperti, studiosi, critici, con spezzoni di repertorio, sequenze cinematografiche, brani musicali, in un articolato mosaico che vuole restituire agli ascoltatori tutti i significati possibili di un avvenimento.

 

In questo numero ‘451’ propone la Puntata di Wikiradio del 26 ottobre 2011.

È l’alba del 26 ottobre quando in un teatro di Mosca le forze speciali del Ministero dell’Interno pongono fine, in modo tragico e drammatico, a uno degli episodi di terrorismo che da due giorni e mezzo sconvolgeva il mondo intero. È passato quasi un anno dall’11 settembre, e quindi il terrorismo è un fenomeno a cui tutti fanno attenzione, di cui tutti tengono conto, e che minaccia l’equilibrio mondiale. Questa volta èla Russiaa essere il centro di un attacco terroristico.

Che cosa succede quella mattina? Le forze speciali devono liberare circa 800/900 persone: gli spettatori che due sere prima stavano assistendo a uno spettacolo e che sono stati sequestrasti da una cinquantina/sessantina di terroristi ceceni. Quello che i giornalisti, presenti lì fuori, vedono immediatamente è che, quando il blitz delle forze di polizia termina, non c’è praticamente nessuno colpito da armi da fuoco. Tutti gli uccisi e i primi morti che vengono portati all’esterno e messi in fila fuori dal teatro sono i corpi dei terroristi, tutti estremamente pallidi, bianchi.

Questo contenuto è riservato ai soli membri di Annuale Online
Accedi Registrati.
Print Friendly, PDF & Email
Invia una mail per segnalare questo articolo ad un amico